• 1

Chi siamo

  • AIAB in Piemonte
  • Priorità associative
  • Organigramma
  • Partecipazione e sostegno

L’Ass. AIAB in Piemonte si presenta (e vi invita ad aderire)

AIAB – Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica (www.aiab.it) - è in tutte le regioni l’associazione che riunisce i produttori e tutti gli altri soggetti della filiera biologica e anche oltre, dai consumatori ai tecnici.

AIAB in Piemonte

La nostra associazione regionale, riconosciuta dalla struttura federale nazionale, vuole lavorare con l’obiettivo di ascoltare le esigenze dei produttori e dei consumatori, mettere in rete le buone pratiche e le bio-eccellenze piemontesi, e promuovere il biologico in tutte le sedi istituzionali.

Statuto dell'Associazione AIAB in Piemonte

Le priorità associative su cui inizieremo a lavorare sono le seguenti:

  • Rappresentare la straordinaria ricchezza del mondo del biologico presso le istituzioni regionali e locali (in primis per il PSR e la PAC).
  • Organizzare campagne per promuovere il biologico, ed in particolare mettere in rete le già tante iniziative esistenti portate avanti dalle associazioni locali, contribuendo sia realizzare le campagne nazionali come la Biodomenica e la Primavera Bio sia altre iniziative presenti sul territorio.
  • Qualificare le filiere; sviluppare la filiera corta e la vendita diretta, e anche organizzare i produttori per aiutarne l’incontro con il mercato/i mercati, ed in generale con la cittadinanza.
  • Porre l’attenzione alla sostenibilità ambientale ed etica di tutti gli aspetti connessi al “settore biologico”, dalla produzione agricola al consumo finale (per fare un esempio “cruciale”, il tema del packaging ecocompatibile, ecc.).
  • Qualificare il biologico, migliorando il sistema di controllo, garantendo una  semplificazione del sistema e sperimentare nuove forme, dalla certificazione di  gruppo, alla certificazione partecipativa
  • Seguire le attività della “Rete dei Semi Rurali” così come le attività della “Campagna popolare per l’agricoltura contadina”, approfittando degli importanti legami con esse di AIAB Federale e valorizzando la presenza sul nostro territorio di soci e contatti “attivi” in grado di seguirne le attività;
  • Organizzare servizi per i soci, ad esempio per il reperimento di mezzi tecnici e assistenza alle coltivazioni (piantine da orto e sementi certificate, prodotti per fertilizzazione e difesa, sacchetti in plastica biodegradabile per chi va ai mercati, ecc.), ausilio nell’espletamento delle pratiche burocratiche, ecc.
  • Organizzare la formazione dei soci (formazione di base per le nuove aziende bio, aggiornamenti tecnici e normativi, approccio al mercato, ecc.).
  • Difendere i forti “valori” etici e comportamentali che sono strettamente connessi al biologico: la difesa e salvaguardia del territorio in cui viviamo, la salute ed il benessere delle persone che lavorano la terra e degli animali che vengono allevati, la difesa della salute dei consumatori attraverso la fornitura di cibi sani, genuini e gustosi. E’ in questi valori che si riflette “l’unicità” del nostro vivere quotidianamente il biologico.
  • Aggregare i protagonisti del biologico e promuovere la conversione dei territori, organizzando servizi utili a: Produttori; Trasformatori; Consumatori.

Consiglio direttivo

Gruppo tecnico

  • Alessandro Poretti (Presidente)
  • Lorenzo Vinci (Vicepresidente)
  • Massimo Pinna (Vicepresidente)
  • Valerio Viotti
  • Elda Viletto
  • Claudio Fantolino
  • Massimo Pinna (Coordinatore)
  • Marco Arnoulet
  • Irene Benvegna
  • Ursula Gamba
  • Sandra Spagnolo
  • Valerio Viotti

 

Comunicato dei ricercatori ex CRAB

Partecipare e sostenere l’Ass. AIAB in Piemonte

AIAB in Piemonte

Si sottolinea l’importanza di connettersi alle reti di consumatori e produttori “critici” quali i GAS (Gruppi d’acquisto solidale) e i DES (Distretti di economia solidale) ed in particolare con il settore del Turismo Responsabile (lato “incoming”) in quanto attività “eticamente” affine e possibile integrazione economica e relazionale utilissima per il settore agricolo.”

Avere una forte AIAB regionale significa anche partecipare al lavoro di ricerca e sperimentazione dell’AIAB Federale (oggi il maggior protagonista privato della ricerca nazionale), ma anche al movimento per cambiare la PAC e influenzare i regolamenti europei attraverso IFOAM EU (Federazione Internazionale dei Movimenti Biologici) e ECVC (il Coordinamento Europeo di Via Campesina). In entrambe le organizzazioni ci sono dei rappresentanti di AIAB.

Vi chiediamo di partecipare, e di sostenere ancora, o per la prima volta, l’associazione diventando soci dell’AIAB Piemonte.